Gentoo/Introduzione

Da WikiLilis.

Introduzione

Gentoo è una distribuzione linux basata sui sorgenti. I pacchetti software non vengono dunque scaricati da un repository in formato binario come accade in una distribuzione classica come Ubuntu, Debian, Fedora, etc. In gentoo i pacchetti vengono prelevati dalla rete in formato sorgente per essere poi configurati, compilati ed infine installati sul sistema.

Tali operazioni sono effettuate dal portage. Durante la fase di configurazione è possibile attivare/disattivare determinate caratteristiche del software, mentre nella fase di compilazione è possibile istruire il compilatore in modo da generare eseguibili più veloci utilizzando un set di istruzioni macchina esteso ma disponibile solo su determinate CPU.

In una distribuzione classica, quindi, il maintainer stabilisce come configurare e compilare i pacchetti, abilitando funzioni che possano soddisfare le esigenze di tutti gli utenti, dall'operatore d'ufficio, al videogamer, allo sviluppatore, al sistemista, etc. e che giri ragionevolmente sul maggior numero di macchine con la stessa famiglia di CPU, disabilitando, dunque, la generazione di codice macchina avanzato.

Con gentoo, invece, sarete voi a stabilire come il software va configurato e compilato e sarà possibile dunque adattarlo ed ottimizzarlo in base all'hardware ed all'utilizzo che ne intendete fare ottenendo prestazioni eccezionali e risparmio di risorse.

Non dovrete più scegliere tra GNOME, KDE, XFCE4, Cinnamon, Mate, Enlightenment, etc., prima di installare la vostra distribuzione, gentoo consente di installare e gestire tutti i desktop environments anche contemporaneamente! Non dovrete neanche aspettare con ansia il rilascio di nuove release della vostra distribuzione, gentoo infatti è una rolling distro, si installa una sola volta e si aggiorna per sempre.

Ma niente paura, non è complicato come sembra ;)